Un vecchio che muore è come una biblioteca che brucia.

Il proverbio è africano, ma vale per qualsiasi cultura.
Nella nostra epoca stiamo riversando ogni forma di archivio in memoria digitale. Quello che non viene digitalizzato in questi anni sparirà dalla storia.

Vale anche per quello che conosce un anziano che muore senza aver raccontato davanti a una videocamera o ad un registratore audio digitale… certe testimonianze orali, come:

  • competenze (nel cucinare, nel coltivare, nel curarsi con rimedi naturali, …),
  • tradizioni (come i canti popolari, i proverbi, i giochi infantili, i riti religiosi, quelli magici e scaramantici…)
  • testimonianze (di eventi storici piccoli e grandi)
  • antichi toponimi, strade, assetti del territorio, narrazioni e aneddoti locali

Ascoltare queste testimonianze restituisce ascolto ed importanza alla persona del testimone, gli esprime una gratitudine che spesso merita.

Portiamo le saggezze antiche sui nuovi supporti, prima che sia troppo tardi.

Per questo i volontari si organizzano per rintracciare e intervistare i testimoni, per poi archiviare i risultati delle ricerche e metterle a disposizione di chiunque sia interessato.

Cercano volontari per questa attività:

MVSA Museo Valtellinese di Storia e Arte
Museo Civico di Bormio
Biblioteca di Lanzada
Biblioteca di Caspoggio
Biblioteca di Chiesa in Valmalenco