Sono ancora aperte alla ricerca di volontari le attività contrassegnate da e con titolo colorato

Le attività proposte:

16 18 19 21

16 | Testimonianze e tradizioni: raccolta e archivio

Una sosta a Trepalle

Focus su Trepalle e i suoi abitanti; creazione di un gruppo di lavoro per raccogliere testimonianze e materiale documentario.

Storicamente Trepalle e Livigno presentano molte differenze, nonostante facciano parte del medesimo comune. L’abitato di Livigno, più famoso e frequentato, rischia, però, di cancellare le peculiarità e l’identità della piccola frazione. Anche durante la realizzazione del museo, ci si è posti subito la questione della coesistenza e del rispetto di due identità ben distinte all’interno dell’allestimento. Il museo, in quanto luogo di incontro, studio e riflessione sulla cultura locale, si pone come obiettivo il duplice compito di conservare l’identità propria di Trepalle e di promuoverla.
E’ emerso inoltre da parte dell’amministrazione il desiderio di ideare un progetto per rafforzare i contatti tra gli anziani e i giovani trepallini, oltre che per aumentare la loro consapevolezza nei confronti delle peculiarità proprie di Trepalle.

18 | Visite guidate nei musei

Raccontati al museo

Accoglienza e intrattenimento visitatori, breve spiegazione dell’allestimento, anche diviso in settori, non seguendo la canonica visita guidata ma soffermandosi su oggetti o storie più vicine a chi sta raccontando. In questo modo si può cogliere l’occasione per realizzare anche un’intervista al volontario, utile anche all’ ampliamento della documentazione del museo e/o alla didattica con le scuole.
A seconda della disponibilità del volontario sarà possibile attivare eventuali laboratori manuali presso il museo.

Il museo necessita di volontari per poter seguire al meglio i visitatori e offrire un servizio più approfondito e ampio di visite guidate. Essendo un nuovo servizio, il museo ha bisogno di essere conosciuto e apprezzato dalla gente del posto, per continuare a crescere ed arricchirsi di nuove storie, recuperare attività manuali di un tempo e favorire lo scambio tra le varie generazioni.

19 | Ricerca ed esposizione di reperti, foto e video

Un occhio al museo

Ricerca, analisi e sistemazione di oggetti, video e foto per ampliare la collezione del museo. I volontari saranno chiamati ad essere promotori di un museo innovativo e ricco di spunti. Catalogazione e manutenzione (pulizia e sistemazione) delle esposizioni, secondo le indicazioni degli operatori museali.

Nel corso degli anni, mentre si attendeva che il museo venisse alla luce, molti residenti hanno accumulato delle collezioni museali private a cui è difficile accedere; vi è inoltre la tendenza, da parte di questi appassionati, di vedere il museo come un “concorrente”.
E’ quindi emersa l’esigenza di fare in modo che la gente consideri il museo come un punto di riferimento culturale sopra le parti, neutrale e dinamico, in cui l’identità del paese si rispecchi nelle varie sfaccettature (tradizionale, turistica, innovativa, creativa…). Per far sì che questo accada si è pensato di ampliare la collezione, specialmente con materiale foto/video, magari inediti, da esporre in maniera innovativa e multimediale, per attrarre con curiosità nuovi visitatori.
Inoltre, essendo Livigno una località turistica frequentata da molti visitatori da decenni, si è pensato dare la possibilità anche ai turisti “di vecchia data” di collaborare con il museo, invitandoli a spulciare fra i loro vecchi ricordi.

21 | Visite guidate nel territorio

Luoghi da scoprire

Attività di ricerca e documentazione sul patrimonio locale e successiva formazione dei volontari nella preparazione delle visite guidate.
Visite guidate per residenti e turisti nei luoghi selezionati di maggiore interesse (ad esempio chiese del paese, carderia, etc).

Le località di Livigno e Trepalle sono da sempre percepite come luoghi privi di cultura e arte.
La maggioranza della popolazione è di religione cattolica e molti fedeli già operano nell’ambito del volontariato e nella manutenzione degli spazi liturgici. Nonostante ciò, molti edifici religiosi  rimangono chiusi per la maggior parte dell’anno, celando ai residenti stessi (oltre che ai turisti) un prezioso patrimonio di arte e tradizioni religiose. L’esigenza di valorizzare tali tesori nascosti è emersa più volte da parte dell’amministrazione e nel corso di questi mesi anche da parte dei turisti e dei residenti.
Da queste considerazioni nasce l’idea di estendere anche sul territorio di Livigno e Trepalle, un’iniziativa simile a “Chiese Aperte” (attiva a Bormio), nella quale i volontari fanno da guide alla scoperta del patrimonio artistico religioso della valle.
In parallelo si vuole porre l’accento su particolari luoghi o opere che appartengono a momenti della storia del paese (es. antica carderia, diga, vecchie malghe, etc).
Naturalmente, per poter illustrare questo patrimonio, è necessario avere dei volontari che si possano dedicare anche al lavoro di ricerca e preparazione delle visite.

Dove siamo

Via Domenion, 51/53, Livigno

Museo di Livigno e Trepalle

Via Domenion, 51/53, Livigno, SO, Italia