Sono ancora aperte alla ricerca di volontari le attività contrassegnate da e con titolo colorato

Le attività proposte:

13 18 19

13 | Laboratori creativi e didattici per bambini

Impara l’arte … e fai da te

Considerando che il progetto racchiude in sé più attività diverse tra loro e destinate a bambini e ragazzi di svariate età, si specifica per ogni laboratorio il destinatario, il titolo e una breve descrizione e le caratteristiche richieste al volontario che desidera partecipare all’ideazione e realizzazione dei vari momenti.
– 1^ elementare:  “I giochi di una volta”
Il volontario deve giocare con i bambini sottolineando la differenza del modo di giocare  tra ieri e oggi; previsti 2 volontari giovani o di età media.
– 2^ elementare:  “Carta, penna e calamaio”
Il volontario deve approcciarsi con i bambini accompagnandoli in un viaggio nel tempo della scuola che fu; previsti 2 volontari di età giovane o media.
– 3^ elementare: “Cuciniamo insieme come ai tempi della nonna”
Il volontario deve conoscere l’ arte del cucinare di una volta per poter accompagnare i bambini nell’esecuzione di una ricetta locale; previsti 2 volontari di età media o anziani.
– 4^ elementare “Il ciclo della lana: dalla pecora al tessuto”
Il volontario deve  conoscere e praticare le varie fasi della lavorazione della lana per poterle illustrare ai bambini e seguirli in una piccola attività manuale che vedrà la realizzazione di un manufatto; previsti 2 o più volontari di età media o anziani.
– 5^ elementare e 3^ media: “La prima guerra mondiale vissuta sulle nostre montagne”
Il volontario, esperto di uscite  su strade di montagna e documentato sul tema della guerra,  deve accompagnare i ragazzi durante una semplice uscita sul territorio, spiegando  e illustrando uno o più aspetti della guerra e si deve occupare della preparazione del rancio. Logicamente a seconda dell’età dei destinatari verrà aggiustato il tiro su cosa e come raccontare. Previsti 3 o più volontari giovani o di età media.
– 1^ e 2^ media: “Al dialet: an se dre a discmentigal?” (Il dialetto lo stiamo dimenticando?)
Letture e giochi per conoscere un po’ di più la nostra lingua madre, spesso dimenticata. Questo laboratorio prevede la partecipazione di 3 o più volontari anziani e di giovani che sappiano il dialetto.

Il progetto è nato da una richiesta della scuola primaria e secondaria di 1° grado dell’Istituto comprensivo di Bormio Martino Anzi. L’intento della scuola è quello di approcciare il “mondo museale” attraverso attività manuali che potessero far scoprire a bambini e ragazzi tradizioni locali e attività del passato.

Approccio al lavoro a maglia

Conduzione di un laboratorio per bambini dai 6 ai 12 anni, promosso dal Sistema Museale della Valtellina nell’ambito dell’iniziativa “Museo in Famiglia”.
Il laboratorio consiste nell’insegnare a trasformare il filo di lana in maniera originale e creativa.

Il laboratorio è stato proposto da due signore volontarie che desiderano insegnare ai bambini le tecniche della lavorazione a maglia. Il referente si è dichiarato favorevole e disponibile nell’attuazione; l’attività viene promossa all’interno delle iniziative del museo specifiche per bambini e famiglie, quali “Museo in Famiglia”.

18 | Visite guidate nei musei

Ciceroni al museo

L’attività viene svolta nei locali del museo e consiste nell’accompagnare e guidare i visitatori spiegando loro le attività del passato e illustrando al meglio le stanze e gli oggetti esposti.

Il progetto nasce da un bisogno interno al museo di disporre di volontari che si occupino dell’accompagnamento dei visitatori all’interno della struttura per rispondere in modo più adeguato alle richieste degli utenti, soprattutto nella stagione estiva.

19 | Ricerca ed esposizione di reperti, foto e video

Allestimento di “Un Bait da un’ olta” (Una casa di una volta)

All’interno della struttura si svolgeranno attività molto diverse tra loro: dalla sistemazione di alcuni arredi all’allestimento vero e proprio dell’abitazione tenendo presente tutte le attività che lì venivano svolte. C’è quindi molto da fare concretamente, ma anche parecchio da pensare. Tutti possono partecipare come volontari apportando un aiuto secondo le proprie competenze.

Il progetto nasce da un bisogno interno al museo di allestire una baita storica data recentemente in uso
all’Associazione museale e dalla constatazione che sul territorio sono presenti persone con le competenze necessarie allo svolgimento di tale attività.

Dove siamo

Piazza Forba, 1, Sant'Antonio

Museo Vallivo di Valfurva

Piazza Forba, 1, Sant'Antonio, SO, Italia